Domenica 1 novembre, dalle 16.00 alle 18.00, con Aurélie Gaering, Lugano Centro

“Amare se stessi è l’inizio di una storia d’amore lunga tutta una vita.” Oscar Wilde

Che gioia ritrovarsi tra donne per prendersi cura di sé, condividere le nostre esperienze, ridere, piangere, scoprirsi, sentire il nostro corpo, ballare, connetterci alle nostre emozioni, alla forza del gruppo e seguire la nostra intuizione in uno spazio di benevolenza, di autenticità e di libertà!!!

Questo Atelier è pensato per vivere un momento unico e speciale condividendo una magnifica solidarietà tra donne : una bellissima “solleranza”. Trascorreremo momenti forti e gioiosi insieme, ma scopriremo anche degli strumenti utili per prendere in mano la nostra vita nella quotidianità.
Con l’intenzione di essere come siamo e di piacersi!!!

Programma :
Cerchi di parole
Meditazione e movimenti liberi
Pratiche di respiro
Attività di gruppo
uso di oracoli
Cerimoni di chiusura

Investimento: 39.-fr in studio  (sconto 10% abbonati annuali)

Per iscrizioni cliccare qui !!!

Lily

Aurélie Gaering

Mi chiamo Aurélie e ilmio soprannome “Lily”, sono una cittadina del mondo, sono francese, di Aix-en-Provence mista a origini malgasce. Ho vissuto in Francia, ad Amsterdam e a Boston prima di trasferirmi a Lugano, in Svizzera.

Credo nella bellezza degli esseri umani e nella saggezza che è in noi. Sperimento una profonda connessione con il mio potere interiore e le mie risorse mentre pratico yoga e meditazione. Ecco perché ho deciso di diventare un insegnante di yoga e di consapevolezza, per dare alle persone la possibilità di conoscere meglio se stesse e di accedere al proprio spazio sacro interiore attraverso un’esperienza corpo-mente-anima.

Amo insegnare yoga con sempre la stessa intenzione: creare uno spazio nella mente e una profonda connessione e consapevolezza del corpo e del cuore. Mi piace porre l’accento sull’essere consapevole -Meditazione e respirazione -Pranayama: “Lo yoga è la danza di ogni cellula con la musica di ogni respiro che crea serenità e armonia interiore” Debasish Mridha.

Foto: Alina Smit (www.alinasmit.com)